Fatturazione elettronica tramite il sistema di interscambio

del 15.04.2018

La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto l’obbligo della fatturazione elettronica anche nelle operazioni tra imprese e in quelle verso i consumatori finali. Le fatture, predisposte nel formato XML oggi in vigore solo verso la PA, dovranno essere trasmesse ai propri clienti residenti, stabiliti o identificati in Italia, attraverso il Sistema di interscambio.

Dal 1° luglio 2018, l’obbligo vale per le operazioni di vendita e acquisto di carburanti e per le operazioni effettuate nell’ambito delle catene di subappalti che abbiano come cliente finale una PA.

Dal 1° gennaio 2019, invece, l’obbligo di fatturazione elettronica varrà anche per tutte le altre operazioni. Dunque, sia chi emette la fattura sia chi la riceve deve scegliere, tra quelle disponibili, una modalità di colloquio con il sistema di interscambioaffinché quest’ultimo possa acquisire dall’emittente e consegnare al destinatario la fattura elettronica.

Le regole, le specifiche tecniche e la documentazione sui file da trasmettere sono disponibili sul sito www.fatturapa.gov.it nelle sezioni “Documentazione FatturaPa” e “Documentazione Sistema di interscambio”.

Vi è inoltre un’applicazione gratuita per generare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche. Per gli utenti che, d’intesa con i propri clienti, intendessero già generare e utilizzare il Sistema di interscambio, vale la pena ricordare che è da tempo disponibile un’apposita e semplice procedura web nell’area “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia delle Entrate. Per accedere e utilizzare la procedura occorre entrare con le credenziali Entratel o Fisconline oppure con SPID o con CNS e, successivamente, selezionare l’area “Fatture Elettroniche”.

La procedura consente la predisposizione guidata di un documento; il salvataggio del file XML della fattura oltre che la sua visualizzazione in PDF; la trasmissione del file XML utilizzando il sistema di interscambio e la conservazione elettronica della fattura.

L’utente che intendesse utilizzare la procedura web, quindi, dovrà solo provvedere a garantire autenticità e integrità della fattura elettronica, ad esempio apponendo – con suoi strumenti – la firma digitale sul file XML prima della trasmissione al Sistema di interscambio.

Per maggiori informazioni e dettagli sul nuovo procedimento è possibile visitare il sito web www.fatturapa.gov.it

Ufficio Stampa Confapi Padova
stampa@confapi.padova.it

/Argomenti