Diventa Socio
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter
Ritorna a Confapi Padova

“IL COUNSELLING IN AZIENDA”, quale contributo?

counsellor2.jpg

Una figura strategica per aiutare il cliente: le testimonianze di Opera 3D e Medical Center al convegno

Sabato 16 dicembre si è tenuto al Centro Antonianum di Padova un convegno organizzato dal CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti) con la collaborazione dI Confapi, Ucid e Andaf.

L’ing. Flavio Zelco ha espresso la curiosità dell’UCID per la figura del Counsellor, mentre la Dott.ssa Francesca Coccato ha portato i saluti e l’auspicio di una futura collaborazione della Confapi. Oltre alla presentazione della figura del Counsellor descritta dal Dott. Stocco, sono intervenuti tre imprenditori, il Dott. Stefano Zanetti di Zanetti Moda Srl, il Dott. Alvise Cappello di Medical Center Padova  e la Dott.ssa Antonella Lavagnino di Opera 3D Srl, descrivendo la loro organizzazione dal punto di vista dei modelli relazionali e degli strumenti di comunicazione adottati dalle rispettive aziende.

Scopo del convegno era promuovere la conoscenza delle opportunità rappresentate dall’intervento di Counselling nelle organizzazioni, una figura professionale relativamente nuova che può rappresentare un’ulteriore opportunità di crescita per le aziende.

La figura del Counsellor focalizza la sua attenzione sulle modalità concrete con le quali le persone all’interno dell’azienda interpretano il modello organizzativo adottato, da come gestiscono le relazioni interpersonali, tra comparti aziendali e tra le strutture gerarchiche, a come sviluppano le comunicazioni interne ed esterne a partire dagli strumenti pratici a loro disposizione. Nelle pieghe del modello ideale si insinuano spesso modalità di gestione delle relazioni basato sul proprio vissuto, le proprie aspettative, le proprie conoscenze e le proprie comprensioni delle situazioni che possono vanificare anche il miglior modello adottato dall’azienda

Non si tratta dunque di rimettere mano alle scelte organizzative già adottate, ma di intervenire là dove il modello sembra non produrre i risultati attesi.

Questo gap tra modello e realtà si manifesta molto spesso nei momenti più delicati della vita di un’azienda: quando si stanno operando cambiamenti significativi, riorganizzazioni o incrementi di produttività; quando c’è un cambio generazionale o del management; quando si stanno definendo nuovi settori d’impresa o si intendono sostenere i settori ad alto stress potenziale.

Un intervento in questo ambito ha naturalmente ricadute in termini di migliori risultati economici potendo beneficiare di minor turnover, indici di assenteismo, riduzione dei costi per errori, inefficienze, sprechi, deviazioni di processo e tempi di esecuzione, di time to market, contenzioso e retention della clientela.

Una figura dunque che può generare valore in azienda ponendo una particolare attenzione sulle risorse umane a disposizione dell’impresa e del loro concreto agire nel contesto aziendale aderendo in vario modo agli obiettivi, ai valori, allo stile e ai modelli auspicati dall’imprenditore.

Ufficio Stampa Confapi Padova
stampa@confapi.padova.it

Condividi su
Stampa Stampa “IL COUNSELLING IN AZIENDA”, quale contributo?

RESTA AGGIORNATO,

Iscriviti alla newsletter